martedì

Sordità: quello che (non) si sa.


Per il dottor Fazio, conduttore del programma “Quello che (non) ho”

Egregio dr. Fazio,
le scrivo a proposito delle esibizioni dei “danzatori sordi” del gruppo “Silent Beat” che partecipano alla trasmissione “Quello che (non) ho” in onda su La7.  Niente da eccepire sullo spettacolo; quello che vorrei farle notare è che il messaggio che trapela dall’esibizione dei ragazzi rischia di essere fuorviante e di dare una immagine distorta di quel fenomeno chiamato “sordità” con il quale purtroppo molti di noi –me compreso- si trovano a convivere.
I ragazzi infatti mostrano una serie di cartelli in cui accennano a una “lingua propria dei sordi” (la lingua dei gesti) e ai loro sogni e desideri (“sogno un paese dove la gente ascolta con gli occhi”).
Ebbene, sono circa quaranta anni -e anche più- che le persone sorde, grazie alla logopedia e ai ritrovati della moderna tecnologia (apparecchi acustici /orecchio bionico) sono in grado di parlare a voce (utilizzando quindi la normale lingua “orale”) e, con alcune limitazioni, riuscire ad ascoltare. Come cantava Lucio Dalla in una celebre canzone degli anni ’70   “….i muti parleranno, i sordi già lo fanno….” (L’anno che verrà, 1978)

Ma dove è il problema? Il problema è che a questi risultati (parlare, sentire e capire) la persona sorda arriva dopo tanto allenamento e lavoro, che comincia da bambini e prosegue.…per tutta la vita! Al momento attuale non esiste una "cura" per la sordità, bensì si cerca di non rendere troppo pesanti quelle che sono le sue conseguenze principali ovvero la mancanza di udito e la mancanza di lingua.
E’ perfettamente possibile per una persona sorda arrivare a buoni risultati di integrazione nella società di tutti, in quanto la sordità non è una malattia che va ad influire sulle “capacità mentali”, ma solo sull’apparato uditivo, quindi le capacità cognitive del soggetto sono potenzialmente intatte: si tratta di saperle utilizzare e imparare ad utilizzarle.
Al contrario, la sordità dà origine a “diversità” solo se non si agisce tempestivamente con interventi mirati: e di tutto questo un logopedista, un medico specialista, oppure anche una persona sorda, ne potrà illustrare estesamente ogni aspetto.

Per carità, i ragazzi in trasmissione sono liberi di esprimere i loro sentimenti: ma il fatto che gli spettatori si trovino durante la trasmissione a dover leggere cartelli in cui viene fatto intendere che “la lingua delle persone sorde è il gesto” (anziché la normale lingua orale) e proclamate frasi come “sogno un paese dove la gente ascolta con gli occhi” può venir male interpretato perché si trascura completamente tutta la potenzialità del soggetto nel riuscire ad arrivare ad un buon livello di integrazione nella società.
E in ultima analisi lo spettatore, magari ignaro delle problematiche della sordità, ne potrà ricevere una immagine di “diversità”, e non di “potenzialità”.

Cordiali saluti,
Andrea Pietrini

4 commenti:

  1. Grandioso!!
    Bravo Andrea.


    Davide di Monza

    RispondiElimina
  2. Grande Andrea!
    Claudia

    RispondiElimina
  3. Simona Tempestina22 maggio 2012 12:49

    Grazie, ho provato anche io a scrivergli, ma tu hai rso senz'altromeglio!!

    RispondiElimina